Cassa di Risparmio di Venezia

La Cassa di Risparmio di Venezia viene costituita il 12 febbraio 1822 e associata al Banco Pignorativo, sorto durante la breve esperienza napoleonica nel 1806, trasformato nel 1834 nel Monte di Pietà di Venezia e poi fuso nella Cassa nel 1927. Nel corso degli anni la Carive supporta in maniera decisiva lo sviluppo economico e culturale della città, concedendo importanti finanziamenti, quali quelli alla Biennale e alla Galleria d'arte moderna. All'indomani della Seconda guerra mondiale contribuisce alle trasformazioni economiche in atto in tutta la provincia veneziana, nel sorgere dei nuovi distretti industriali del mobile, del tessile, della calzatura e dell'abbigliamento, che si affiancano a quello chimico-industriale di Porto Marghera. Il suo prezioso patrimonio storico-documentario testimonia l'attività di supporto allo sviluppo di una città così unica quale Venezia e al suo territorio.
I verbali del Consiglio di Amministrazione sono consultabili online per il periodo dal 1878 al 1960.