Storie

Gli House Organ aziendali aprono al pubblico

L'Archivio Storico apre una sezione dedicata alle riviste aziendali all'interno dell'area del sito realtiva alla biblioteca.

Gli house organ sono i periodici aziendali attraverso i quali le nostre banche hanno comunicato la propria identità e i propri valori nel corso degli anni.

Tra i pionieri del settore troviamo Cariplo, che già nel 1929 pubblicava il suo "Bollettino d'Informazioni", a cui fece seguito nel 1963 "Ca' de Sass", e la Cassa di Risparmio di Civitavecchia che nel 1950 diede il via alla pubblicazione del "Bollettino del risparmio", il mensile della Federazione delle Casse di Risparmio dell'Italia centrale. La Banca Cattolica del Veneto pubblicò nel 1952 il primo numero di "Vita Nostra", curato direttamente dall'amministratore delegato Secondo Piovesan fino al 1973, che diventò "BCV" nel 1974 quando Piovesan uscì dalla scena bancaria. La Cassa di Risparmio di Pistoia ha pubblicato il "Tremisse Pistoiese" a partire dal 1976.

Questi primi esempi di house organ erano un mezzo di comunicazione tra l'amministrazione e i dipendenti, e anche uno strumento formativo e informativo per gli impiegati di tutto il territorio.

Sono più recenti i periodici del Banco Ambrosiano Veneto che ha pubblicato "In Rete" e poi "Ambroveneto" a partire dal 1991, di Comit e IMI, "Tempocomit" e "Quadrante" sono stati pubblicati a partire dal 1992, e della Banca Popolare di Vicenza che ha pubblicato "BPV Oggi" a partire dal 1997.

Gli house organ nel corso degli anni hanno accompagnato le proprie banche di riferimento attraverso fusioni e incorporazioni cambiando nome, linea editoriale e modalità di pubblicazione, ma non lo scopo: restano il mezzo attraverso il quale le banche si raccontano, per questo oggi rappresentano una fonte storica di primaria importanza.